iniziative

2011 – “Aiutiamo il Giappone”


Il Centro è impegnato nell’iniziativa di solidarietà “Aiutiamo il Giappone” per la costruzione di un asilo nido nella città di Minami Sanriku, nella Prefettura di Miyagi, completamente distrutta dallo Tsunami. L’asilo sarà dedicato all’Amicizia tra Giappone e Italia. La somma raccolta verrà devoluta al Comune di Minami Sanriku che curerà la realizzazione del progetto.

L’iniziativa è stata promossa congiuntamente al Comune di Besano (Provincia di Varese), gemellato con il paese di Minami Sanriku, con il quale ha realizzato in passato scambi sia in ambito culturale che scientifico.

Il progetto è supportato da Mediafriends “La Fabbrica del Sorriso”.

Siamo orgogliosi di comunicarvi che in data 15 novembre 2011 la raccolta, grazie anche al sostegno di Mediafriends e del Comune di Besano, ha raggiunto un totale di circa euro 62.000 (circa 6.400.000 yen.)

 

Cari amici e sostenitori, vi ringraziamo, ancora una volta, per la vostra solidarietà e generosità.

 

Principali donatori: 

  • i Soci dell’Associazione Nuova Cultura Oriente – Occidente e Centro di Cultura giapponese, gli Amici della Associazione,
  • il Comune di Besano
  • Mediafriends – “La Fabbrica del sorriso”
  • Il gruppo “Luce per il Giappone”
  • Elisa Cairati e Emanuele Salvioni – Spettacolo teatrale Robecco Sul Naviglio
  • Mondial SpA
  • Dojo Scuola della Respirazione
  • Comunità Parrocchiale di S. Teresa – Cori Polifonici “Gesu’ a Nazareth” e “The Tuimbers”
  • Associazione Sorriso del Lago
  • Dojo Akeleinaa
  • Koryu Ikebana group di Mantova
  • Associazione Mille Gru di Cremona
 
 
Il 13 gennaio 2012 su Rete4, nell’ambito della serie “Storie di confine”, è andato in onda un reportage di Mimmo Lombezzi dedicato al Giappone del dopo tsunami. Il programma ha documentato, tra l’altro, la situazione della cittadina di Minami Sanrikucho e l’incontro con il Sindaco a cui è stata destinata la raccolta fondi promossa dal nostro Centro di Cultura Giapponese e da Mediafriends per la ricostruzione di un asilo.

 

L’iniziativa ha ottenuto dall’Ambasciatore del Giappone in Italia il

“Riconoscimento per l’amicizia e la solidarietà mostrate al popolo del Giappone”.