Pittura

Pittura tradizionale giapponese

”commento”/I colori che si trovano nella pittura tradizionale “”giapponese
sono ricavati ancora oggi, da materiali naturali:
minerali, conchiglie, terre e rocce particolari.
I giapponesi hanno coltivato, sin dall’antichità,
l’attitudine a coglierei mutamenti delle stagioni
attraverso un profondo rapporto di rispetto e di amore verso la Natura.
Per questo nella maggior parte delle opere pittoriche
noi troviamo degli aspetti naturalistici,
come un ramo di albicocco con alcuni fiori appena sbocciati
o la prima neve su un albero di pino.
In questi soggetti l’artista
cerca sempre di cogliere ed esprimere l’atmosfera e la raffinatezza
dell’attimo fuggente.
Un’altra peculiarità della pittura giapponese
è senz’altro, lo spazio vuoto,
lasciato volutamente bianco sullo sfondo dell’opera.

Questo “spazio vuoto” ha un suo valore e significato.

Corso di pittura giapponese 2017/2018

in preparazione


 

info: 338 1642282 – antogiulia@gmail.com

 


 

Insegnante: SHOKO OKUMURA

Dal 1986 al 1998 frequenta lo Studio pittorico Mai a Chiba, in Giappone.
Laureatasi in pittura tradizionale giapponese alla Tokyo National University of Arts, nel 2008 vince una borsa di studio del Governo giapponese e si trasferisce in Italia, a Firenze, per studiare la tecnica del restauro di affreschi.
Ottenuto il diploma all’UIA di Firenze, partecipa ad alcuni importanti interventi di restauro. Nel 2010 si trasferisce a Milano, dove lavora e insegna pittura tradizionale giapponese.